23.3 C
salerno
lunedì, 19 Agosto 2019
Home Blog Page 503

Il programma di Mario Monti: riforme costituzionali e radicali per l’Italia

0

Mario Monti, dopo l’incontro a porte chiuse a Bergamo con i candidati della sua lista si è concesso alla stampa con dichiarazioni programmatiche forti a poco più di un mese dalle elezioni politiche previste per il 24 e 25 febbraio. Monti apre la sua campagna elettorale abbandonando la parola “moderato” e con un programma di robuste riforme radicali: “Non sempre coloro che si dicono moderati in politica sono moderati nel nostro senso” dichiara Monti che chiarisce l’Italia “non ha bisogno di moderazione” ma “di riforme radicali”.
Le riforme di Monti iniziano con il lavoro dal blocco “socio-sindacale” e in quelle su giustizia, corruzione, conflitto di interessi “da destra”.Il tutto insieme ad una coerente graduale riduzione delle tasse. Tra le riforme costituzionali Monti è netto: “drastica riduzione dei parlamentari”, il “riassetto dello Stato”, una modifica del titolo V della Costituzione.

Andrea Manzella: “Troppi poteri a Monti? Berlusconi si contraddice”

0

Firenze, 19 gennaio 2013 -“Vedo una straordinaria contraddizione in quello che dice l’ex presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, sui poteri addirittura paragonabili al Fascismo del governo Monti”. Così il professore Andrea Manzella, direttore del Centro studi sul Parlamento Università Luiss, intervenuto oggi a Eunomia Master 2013, durante la lezione “Parlamento europeo e rappresentanza”, coordinata dal professor Carlo Fusaro, docente di Diritto pubblico comparato e Diritto elettorale all’Università di Firenze.

A margine della lezione, interpellato sulle accuse rivolte da Berlusconi a Mario Monti sull’eccessivo utilizzo dei decreti legge, Manzella afferma:”Se l’esecutivo ha questo potere, può usarlo sia Monti, sia Berlusconi, sia qualsiasi altro sarà il nuovo titolare della carica di presidente del Consiglio. Se questi poteri non ci sono, allora non si può paragonare quello che ha fatto Monti a una dittatura fascista. Mi pare che a tal riguardo ci sia una straordinaria contraddizione in quello che dice l’ex presidente del Consiglio”.

Sulle elezioni di febbraio, Manzella commenta la mancata riforma elettorale:”Credo che i partiti abbiano dimostrato una grande miopia: non hanno capito che l’elettorato è in una fase di trasformazione, ci sono nuovi movimenti che avanzano e un problema di rappresentanza territoriale, che il Porcellum non risolve”. E continua:”Il Porcellum può essere definito una ‘legge lotteria’. Nemmeno dopo le urne, infatti, consente di avere un risultato certo delle elezioni”. Durante la lezione è stato affrontato il tema della rappresentanza al Parlamento Europeo. Su questo punto Manzella auspica che”si trovino strumenti per avvicinare la cittadinanza alle istituzioni europee. Il primo passo, l’elezione diretta del presidente della Commissione europea”. Si ricorda che le lezioni di Eunomia Master torneranno venerdì 1 febbraio con Angelo Panebianco (professore facoltà Scienze politiche Università di Bologna) e Mauro Calise (professore Scienza politica Università “Federico II” di Napoli), Leonardo Morlino (direttore della School of Government dell’Università Luiss ”Guido Carli” di Roma e presidente del Comitato scientifico di Eunomia), Stefano Folli (editorialista del Sole 24 Ore), Marco Bardazzi (La Stampa) e Giorgio Giovannetti (condirettore di GrParlamento, membro del Comitato scientifico di Eunomia).

Macerata. Andrea Angeli premiato alla Giornata del laureato

0

E’ sempre un’emozione forte tornare a Piaggia dell’Università” – Auditorium gremito per l’annuale cerimonia che riunisce tre generazioni di dottori\r\n

“Le situazioni difficili sono queste, non mica in guerra, con tutta questa gente qui in sala”. Con molta emozione, dissimulata da grande affabilità, Andrea Angeli – peacekeeper, scrittore e portavoce di numerose missioni di pace Onu, Osce e Ue, attualmente nello staff del Sottosegretario agli Esteri Staffan De Mistura – ha ricevuto il riconoscimento “Laureato dell’anno” attribuitogli dall’Università di Macerata e dall’Alam, l’Associazione laureati ateneo maceratese in occasione della Giornata del laureato.

La premiazione è stata uno dei momenti clou della tradizionale cerimonia che ha riunito, questa mattina all’Auditorium San Paolo, completamente gremito, tre generazioni di laureati: quelli che hanno raggiunto i 25 e 50 anni dalla laurea e i laureati con lode del 2011. Un’iniziativa ormai consolidata, giunta alla decima edizione. Ad accoglierli, c’erano il rettore Luigi Lacchè, la presidentessa dell’Alam Daniela Gasparrini, il prorettore Marisa Rosa Borraccini, i direttori e vice-direttori dei cinque Dipartimenti Filippo Mignini, Ermanno Calzolaio, Barbara Pojaghi, Katia Giusepponi e Stefano Perri; il direttore generale Mauro Giustozzi. “Con questa cerimonia vogliamo rinnovare e rafforzare antichi legami e, al tempo stesso, sottolineare l’importanza che essi restino intensi e vitali anche per l’ultima generazione – è stato il saluto del rettore Lacchè -. Tutti voi siete i più autentici testimoni di quanto il nostro Ateneo è ed è stato capace di offrire in termini di elevata qualificazione. Voi siete la nostra memoria e al tempo stesso il nostro futuro. I laureati di qualche anno fa ritrovano la loro casa – la casa di tutti noi -, rivivono emozioni intense, meditano sui traguardi raggiunti e su quanto rimane da fare. E idealmente è come se stringessero la mano alle ragazze e ai ragazzi dell’ultima generazione, affinché i loro talenti, le loro competenze, la qualità scientifica e culturale dimostrata in questi anni di studi maceratesi possano trovare piena e adeguata risposta sul piano professionale”. Daniela Gasparrini, presidentessa dell’Alam ha sottolineato che l’obiettivo dell’evento e dell’associazione stessa è quello di “rinsaldare il legame tra l’Università di Macerata e i propri laureati, soprattutto in un momento come quello attuale, interessato da continui cambiamenti. Emergono nuovi caratteri e assetti della conoscenza scientifica, nuove esigenze di formazione professionale. I giovani devono accedere ai massimi livelli del sapere”. All’associazione possono aderire, in qualità di alumni, tutti i laureati di Unimc gratuitamente. Con il premio al Laureato dell’anno l’Ateneo vuole indicare ai propri neolaureati un percorso che deve partire dalla capacità di mettere a frutto i propri talenti. Laureato in Giurisprudenza nel 1980 e in Scienze politiche nel 1982, Angeli è stato scelto, come indicato nella motivazione letta dalla professoressa Gasparrini, “per aver esercitato il mestiere di peacekeeper e portavoce dell’ONU, dell’Unione europea e di altri organismi internazionali, sempre con simpatetica partecipazione verso le popolazioni colpite, i più deboli, le vittime della guerra. Angeli è stato uno dei protagonisti delle missioni umanitarie dei”caschi blu”. Questo”zingaro della pace”, come è stato definito, ha contribuito a far emergere, in una posizione operativa e di grande concretezza, i nuovi paradigmi del diritto internazionale. Con i suoi libri definiti il”backstage ideale della grande storia” racconta senza retorica le emozioni degli uomini lontani e a volte sconosciuti artefici delle sorti del Mondo”.

“Questo premio – ha commentato Angeli – lo voglio dedicare a Giorgio Pagnanelli, che credo sia stato anche assistente qui per un certo periodo, molto conosciuto dai più grandi, primo funzionario italiano entrato nelle Nazioni Unite nel 1957. Vi ringrazio anche per l’enorme pubblicità. Molti, vedendo i manifesti, mi hanno chiesto se mi candidavo. No, non mi candido da nessuna parte. Elezioni senza l’espressione delle preferenza sono come gare di sci senza le porte. Non sarebbe stato contento neanche il sotto segretario Staffan De Mistura con cui lavoro: le cariche pubbliche non dovrebbero essere il trampolino di lancio verso la carriera politica. I veri tecnici, come sono entrati, se ne dovrebbero uscire. Ascoltando il discorso del rettore, mi è sembrato di vedere un generale vicino alle sue truppe. Le sue parole così sentite mi ricordano quelle di un generale che, in missioni difficili, non lascia indietro nessuno. Ritornare a Piaggia dell’Università è un’emozione forte”.

Classifica provvisoria serie A 20ma giornata e classifica marcatori. Poker del Bologna sul Chievo

0

Risultati e classifica definitiva ventesima giornata di calcio Serie A: Bologna batte Chievoverona 4-0.
Tre punti preziosi per il Bologna che dopo la sconfitta contro il Genoa, in questa prima giornata di ritorno del campionato di serie A mette al sicuro per ora la sua zona salvezza. Allo Stadio Renato Dall’Ara il risultato è incontestabile: 4-0 netto con quattro fischi dell’arbitro Davide Massa scaturiti dai gol di Kone al 13′, doppietta di Gilardino al 44′ e al 59′  che gli valgono l’ingresso nella classifica marcatori con 8 punti, e quarta rete di Gabbiadini all’88’.
Fra poco sarà la volta di Inter-Pescara,
partita assolutamente da vincere per i nerazzurri dopo la sonora sconfitta in casa dell’Udinese.

Classifica serie A provvisoria 20ma giornata.
Juventus 44, Lazio 39, Napoli (*) 37, Fiorentina 35, Inter 35, Roma 32,  Milan 30,  Parma 29, Udinese 27, Catania 26, ChievoVerona 24, Atalanta (*) 22, Bologna 21, Torino (*) 20,  Sampdoria (*) 20, Pescara 20, Genoa 17, Cagliari 16, Palermo 15, Siena (*) 11,
Sampdoria 1 punto di penalizzazione, Torino 1 punto di penalizzazione, Atalanta 2 punti di penalizzazione, Napoli 2 punti di penalizzazione, Siena 6 punti di penalizzazione

Classifica marcatori definitiva18ma giornata 
Cavani 16, El Shaarawy 14, Di Natale 12, Klose 10, Lamela 10, Osvaldo 10, Gilardino 8, Jovetic 8, Milito 8,  pazzini 8.

George Bush senior è in terapia intensiva

0

L’ex presidente degli Stati Uniti George H.W. Bush, 88 anni, padre di George W. Bush, è ricoverato in un ospedale di Houston (Texas) da oltre un mese. Secondo quanto si apprende da fonti locali attualmente Bush sarebbe in terapia intensiva in seguito ad un peggioramento delle sue condizioni di salute.’,’George H.W. Bush, nato a Milton il 12 giugno 1924, è stato presidente degli Stati Uniti d’America dal 20 gennaio 1989 al 20 gennaio 1993 e si ricorda in particolare per aver dato inizio alla prima guerra del Golfo contro l’Iraq di Saddam Hussein, guerra ripresa dal figlio dopo il crollo delle Torri Gemelle a Manhattan.

Classifica serie A 18ma giornata e classifica marcatori dopo Cagliari-Juventus 1-3. Oggi Inter-Genoa, Siena-Napoli e Sampdoria-Lazio

0

Risultati e classifica provvisoria diciottesima giornata di calcio Serie A: La Juventus soffre ma riesce a vincere
L’ottima prestazion del Cagliari e le difficoltà in campo della Juventus non sono bastate per dare ai sardi nemmeno un punto. Allo stadio Tardini di Parma il Cagliari va in vantaggio al sedicesimo grazie ad un calcio di rigore fischiato dall’arbitro Antonio Damato e trasformato in gol da Pinilla. Il primo tempo si conclude con il vantaggio del Cagliari, vantaggio che resta fino al 75′ quando Matri trova il gol del pareggio e sblocca una Juventus decisamente superiore ma fino a quel momento in difficoltà. I gol della vitoria per la Juve arrivano a tempo scaduto: a due minuti dalla fine in pieno recupero Matri mette a segno il raddoppio bianconero e tre minuti dopo Mirko Vucinic sigilla il tris alle spalle di Michael Agazzi.

Di seguito la classifica provvisoria di serie A in attesa delle partite pomeridiane.

Classifica serie A provvisoria 18ma giornata.
Juventus 44, Inter 34, Lazio 33, Fiorentina 32, Napoli (*) 31,  Roma 29,  Milan 27, Catania 25, Udinese 23, Parma 23,  ChievoVerona 21, Atalanta (*) 21, Bologna 18, Sampdoria (*) 17, Pescara 17, Torino (*) 16,  Cagliari 16, Palermo 15,   Genoa 13, Siena (*) 11,
Sampdoria 1 punto di penalizzazione, Torino 1 punto di penalizzazione, Atalanta 2 punti di penalizzazione, Napoli 2 punti di penalizzazione, Siena 6 punti di penalizzazione

Classifica marcatori provvisoria 18ma giornata 
El Shaarawy 14, Cavani 12, Di Natale 10, Klose 10, Lamela 8, Milito 8, Osvaldo 8, Hamsik 7, Bergessio 6, Bianchi 6.

Classifica serie A 18ma giornata e classifica marcatori dopo Pescara-Catania 2-1

0

Risultati e classifica provvisoria diciottesima giornata di calcio Serie A: Il Pescara batte il Catania e conquista finalmente la zona salvezza
Ottima prestazione del Pescara allo Stadio Adriatico Giovanni Cornacchia che sotto la direzione arbitrale di Andrea Romeo ferma la corsa del Catania verso l’Europa infliggendogli la sconfitta di 2 reti a 1. Tre punti preziosi per il Pescara che vede finalmente la zona salvezza che ora dovrà sperare di mantenere sperando nella sconfitta del Cagliari contro la Juventus, del Palermo contro la Fiorentina e del Torino contro il Chievoverona. Ad aprire i gol è stato il pescarese Calik al 23′ ma il Catania, certamente più prestante in campo, ha trovato il pareggio dodici minuti dopo con Barrientos. La vittoria del Pescara matura cinque minuti dopo il novantesimo con il gol di Togni che vale oro.’,’Di seguito la classifica provvisoria di serie A in attesa dell’altro anticipo di questa sera tra Cagliari e Juventus.

Classifica serie A provvisoria 18ma giornata.
Juventus 41, Inter 34, Lazio 33, Fiorentina 32, Napoli (*) 31,  Roma 29,  Milan 27, Catania 25, Udinese 23, Parma 23,   ChievoVerona 21, Atalanta (*) 21, Bologna 18, Sampdoria (*) 17, Pescara 17, Torino (*) 16,  Cagliari 16, Palermo 15,   Genoa 13, Siena (*) 11,

Sampdoria 1 punto di penalizzazione, Torino 1 punto di penalizzazione, Atalanta 2 punti di penalizzazione, Napoli 2 punti di penalizzazione, Siena 6 punti di penalizzazione

Classifica marcatori provvisoria 18ma giornata 
El Shaarawy 14, Cavani 12, Di Natale 10, Klose 10, Lamela 8, Milito 8, Osvaldo 8, Hamsik 7, Bergessio 6, Bianchi 6.

Restituite alla Provincia di Salerno 4.000 monete restaurate dall’Università

0

Tornano alla Provincia di Salerno le circa 4.000 monete che l’Ente aveva affidato all’Università, affinché ne eseguisse la pulitura, la selezione, la classificazione e la schedatura scientifica. Gli interventi, regolati da due convenzioni, si sono rivelati più complessi del previsto e hanno visto all’opera per quasi 15 anni il Laboratorio di archeologia medievale”Nicola Cilento” attivo presso il Dipartimento di Scienze dei Beni culturali dell’Università di Salerno, diretto dal prof. Paolo Peduto, con l’intervento operativo dei docenti Rosa Fiorillo e Alfredo Santoro.’,’Le fasi conclusive dei lavori sono state seguite con grande attenzione, prima, dal presidente Edmondo Cirielli e, poi, da Antonio Iannone. Nei giorni scorsi è avvenuta, infine, la riconsegna delle monete al Settore Musei e Biblioteche della Provincia. «Ringrazio l’Università di Salerno per il prezioso lavoro svolto – spiega l’assessore alla Cultura Matteo Bottone – Il prossimo passo sarà individuare le sedi espositive più idonee, per consentire ai visitatori di riappropriarsi di questo straordinario patrimonio numismatico della città di Salerno. In particolare, stiamo valutando la possibilità di ampliare l’allestimento del Museo del Castello Arechi, dedicando una specifica sezione alla zecca normanna, che si ipotizza fosse presente nel maniero tra fine XI e XII secolo e costituisce un unicum per l’Italia meridionale. Altri nuclei potrebbero essere esposti nei nuovi locali di Palazzo Pinto».

Le monete, che rientrano nelle prestigiose collezioni di proprietà della Provincia, sono ascrivibili soprattutto tra il V secolo a.C. al XV d.C. Sono state rinvenute nel corso degli anni a Salerno, per lo più da parte di privati, ed acquisite dall’allora direttore dei Musei provinciali Venturino Panebianco. Tra i reperti più interessanti figurano le produzioni medioevali, che testimoniano il momento più alto della città di Salerno, sul piano culturale ed economico, dall’VIII al XII secolo. Le epoche longobarda e normanna coincidono, infatti, con l’attività della zecca di Salerno. Tra le tipologie del periodo c’è il follaro, moneta di bronzo con varie iconografie, tra cui la coniazione longobarda recante la leggenda”Opulenta Salerno” del XI secolo.

Il Made in Italy che salvaguarda l’ambiente

0

oma, 20 dicembre 2012 – Eataly e Italo insieme per l’ambiente. Grazie al Programma Nazionale del Ministero dell’Ambiente per l’impronta ambientale, le due aziende italiane, l’una nel settore alimentare l’altra in quello dei trasporti, siglano il loro impegno per la riduzione delle emissioni di CO2, a favore della sostenibilità. Alla presenza del Ministro Corrado Clini, infatti, Giuseppe Sciarrone, amministratore delegato di NTV e Oscar Farinetti, presidente di Eataly, hanno firmato l’accordo volontario che mira alla valutazione e contabilizzazione delle emissioni di gas serra, per una loro riduzione, nell’ambito delle strategie contro il cambiamento climatico.’,’Più in particolare, Eataly Real Estate, immobiliare del Gruppo Eataly, si impegna ad effettuare una valutazione dell’impronta ambientale (carbon footprint e water footprint), relativa alla progettazione del Green Retail Park che sarà realizzato a Torino. La NTV, da parte sua, valuterà le emissioni di CO2, relative alla tratta Roma-Torino percorsa dal treno Italo. Il Ministro Corrado Clini, salutando con soddisfazione l’adesione di Eataly e Italo al programma del Ministero, ha dichiarato:”Il nostro impegno è valorizzare le eccellenze italiane che adottano politiche economiche di sviluppo sostenibile e che puntano al miglioramento della qualità ambientale tramite la riorganizzazione della filiera produttiva e del lavoro. L’obiettivo – ha concluso – è fare della sostenibilità ambientale dei prodotti, dei servizi e dei processi produttivi, uno strumento forte di competitività delle imprese”. Oscar Farinetti ha sottolineato l’impegno di Eataly a favore della sostenibilità:”Eataly costruirà a Torino un grande luogo ‘di rispetto’, si chiamerà Green Retail Park. Proprio accanto al primo Eataly, quello del Lingotto, sul terreno dove si trovavano i magazzini della Fabbrica Carpano, nasceranno 10.500 mq, interamente alimentati da energia naturale autoprodotta, e con un bellissimo prato verde come tetto. Al suo interno saranno messi in vendita solo prodotti no food ‘di rispetto’: abbigliamento, calzature ‘verdi’ mobili prodotti con materiali naturali e riciclati, veicoli elettrici e non inquinanti. Oltre ad un luogo dove si offrirà consulenza per diminuire i consumi elettrici in casa, accogliendo clienti che hanno senso del rispetto”.”La tutela dell’ambiente, uno sviluppo economico attento al benessere sociale e la cultura della solidarietà – ha spiegato Giuseppe Sciarrone, amministratore delegato di Ntv – sono scolpiti nel Dna di Ntv che in coerenza con la sua natura ha scelto un treno di nuova concezione, innovativo e sostenibile. Italo è costruito con il 98% di materiali riciclabili e il suo peso ridotto (circa 70 tonnellate) permette di utilizzare il 15% di energia in meno per passeggero rispetto a un treno tradizionale. Ciò significa un risparmio energetico annuale di circa 650.000 kWh su un percorso di 500.000 km, con conseguente riduzione nelle emissioni di gas serra”. L’accordo con Eataly e Italo, rappresenta un saggio esemplificativo delle iniziative di cooperazione pubblico-privato promosse dal Ministero dell’Ambiente nell’ambito del programma di accordi volontari sulla valutazione dell’impronta ambientale. Fino ad oggi il Ministero ha avviato una collaborazione con oltre 100 aziende italiane nei principali settori di produzione e servizi (tessile, agroalimentare, industria, turismo, ceramiche, infrastrutture, grande distribuzione). Il programma è finalizzato alla sperimentazione su vasta scala delle differenti metodologie di misurazione delle prestazioni ambientali, tenendo conto delle caratteristiche dei diversi settori economici, al fine di poterle armonizzare e rendere replicabili. Gli accordi siglati oggi daranno la possibilità di affinare tali metodologie nei settori della vendita al dettaglio e del trasporto su rotaia.

Luci d’Artista Salerno su Rai Tre Campania Sabato 22 dicembre

0

Il rotocalco d’informazione settimanale del TG3 Campania dedica nel prossimo numero un ampio servizio alle Luci d’Artista ed agli eventi del Natale a Salerno. L’appuntamento è su Rai Tre alle ore 12.25 di sabato 22 dicembre. Il giornalista Enrico Deuringher condurrà i telespettatori alla scoperta della mostra d’arte luminosa installata lungo le strade e le piazze di Salerno. Spazio anche ai mercatini, ai presepi ed agli eventi culturali ed espositivi organizzati dal Comune di Salerno.’,’Nel corso del reportage anche un’intervista al Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca.