ONMIC: “Bene aumento pensioni, ora politiche di integrazione fasce deboli”

Condividi

Da 38 a 150 euro: l’Onmic esprime soddisfazione per il provvedimento del Governo che attraverso un Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze aumenterà dal 1 gennaio 2023 del 7.3% le pensioni, adeguandole all’inflazione registrata dall’Istat a novembre 2022 in relazione alla corsa dei prezzi al consumo.

Il presidente nazionale, Vincenzo Siano, afferma: “Il Governo compie un primo significativo passo nella direzione auspicata dalle associazioni, la nostra in primis. L’attenzione dimostrata è meritoria seppur non pienamente sufficiente. Ci aspettiamo nuove e concrete iniziative perché le politiche a sostegno della integrazione socio economica delle fasce deboli, donne e disabili su tutti, diventino strutturali ed automatiche. A tal fine la Onmic è pronta a portare il proprio contributo di idee e proposte in sede di consultazione”.

L’Opera Nazionale Mutilati e Invalidi Civili è tra le storiche Associazioni di Promozione Sociale d’Italia.

Destinatari dei servizi ONMIC sono persone con disabilità; con disagio psichico; invalidi civili; anziani; bambini; adolescenti; giovani neet; immigrati; minori stranieri non accompagnati; donne vittime di violenza; minori in stato di messa alla prova; persone in stato alternativo alla detenzione (U.E.P.E.); indigenti; vittime di reati di criminalità di attività estensiva/usuraia.


Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link