NUOVO STUDIO SU MEDIA E CLIMA DI GREENPEACE

Condividi

«PIÙ ATTENZIONE PER GLI EVENTI ESTREMI, MA GIORNALI E TV NASCONDONO I RESPONSABILI DELLA CRISI CLIMATICA»

ROMA, 09.11.2022 – Nonostante un’estate flagellata dagli eventi estremi, sui quotidiani e in televisione la crisi climatica continua a trovare poco spazio e viene raccontata dai media italiani come se non avesse responsabili, a riprova dell’enorme influenza esercitata dall’industria dei combustibili fossili sul mondo dell’informazione. È quanto emerge dal nuovo studio che Greenpeace Italia ha affidato all’Osservatorio di Pavia, un istituto di ricerca specializzato nell’analisi della comunicazione, pubblicato oggi mentre è in corso il vertice sul clima di Sharm el-Sheik (COP27). Lo studio ha esaminato come, nel periodo fra maggio e agosto 2022, la crisi climatica è stata raccontata dalle edizioni cartacee dei cinque quotidiani nazionali più diffusi (Corriere della Sera, la Repubblica, Il Sole 24 Ore, Avvenire, La Stampa), dai telegiornali serali delle reti Rai, Mediaset e La7 e da un campione di programmi televisivi di approfondimento. 

La ricerca aggiorna i risultati del monitoraggio sulla copertura mediatica della crisi climatica che Greenpeace e l’Osservatorio di Pavia hanno avviato lo scorso gennaio. I risultati mostrano come nel secondo quadrimestre dell’anno i principali quotidiani italiani abbiano pubblicato in media tre articoli al giorno in cui si parla esplicitamente della crisi climatica (si va dai 2,5 articoli al giorno di Repubblica e La Stampa, ai 3,5 di Avvenire). Si tratta di un aumento significativo rispetto al primo quadrimestre, con un picco nel mese di luglio, dovuto soprattutto alle preoccupazioni per la siccità e per le ondate di calore che hanno colpito l’Italia, ma ancora distante dall’attenzione che meriterebbe l’emergenza ambientale più importante della nostra epoca. 

Si conferma invece l’ampio spazio offerto dai giornali alle pubblicità dell’industria dei combustibili fossili e delle aziende dell’automotive, aeree e crocieristiche, tra i maggiori responsabili del riscaldamento del pianeta: sul Sole 24 Ore si contano quasi 5 pubblicità di queste aziende inquinanti a settimana, mentre la media su tutti i giornali è di oltre 3 pubblicità a settimana. L’influenza del mondo economico sulla stampa emerge anche esaminando il modo in cui i principali quotidiani italiani raccontano la crisi climatica. Negli articoli dedicati al riscaldamento del pianeta, infatti, le aziende si confermano il soggetto che ha più voce in assoluto (16,3%), superando gli esperti (15,3%), i politici (12,8%) e le associazioni ambientaliste (12,2%). 

Per quanto riguarda invece la televisione, le immagini drammatiche della siccità e della tragedia della Marmolada hanno favorito la crescente copertura da parte dei telegiornali di prima serata, dove si è parlato di crisi climatica in circa il 2,5% delle notizie trasmesse. Il TG1 è il telegiornale che ha dedicato più attenzione al problema, mentre peggio di tutti ha fatto il TG La7 di Enrico Mentana, che ha trattato di cambiamenti climatici appena una volta a settimana. 

Più confortante l’operato dei programmi televisivi di approfondimento, in cui si è dato spazio alla crisi climatica in 104 delle 385 puntate monitorate nei quattro mesi dell’indagine, pari al 27% del totale. Si tratta di un deciso incremento rispetto al primo quadrimestre dell’anno, quando si era parlato di crisi climatica in appena il 6% delle puntate. La trasmissione più virtuosa è Unomattina di Rai1, mentre in fondo alla classifica si piazzano le due trasmissioni di La7 monitorate: L’Aria che tira e Otto e mezzo/In onda. Considerando che i risultati peggiori sono ottenuti dal TG e dai programmi di approfondimento di La7, e che la linea editoriale di questo canale televisivo privilegia il racconto della politica, i risultati appaiono come una conferma indiretta che i politici italiani si disinteressano del riscaldamento del pianeta, come già dimostrato dalla sostanziale assenza della crisi climatica dai discorsi dei leader di partito durante l’ultima campagna elettorale

«La maggiore attenzione mediatica osservata nel secondo quadrimestre dell’anno è un segnale positivo, ma purtroppo si deve in gran parte agli impatti ormai visibili che la crisi climatica ha sul fragile territorio italiano, in un crescendo di danni e vittime che risulta ancora più insopportabile al cospetto dell’inazione della politica», dichiara Giancarlo Sturloni, responsabile della comunicazione di Greenpeace Italia. «Si conferma inoltre un problema strutturale l’influenza che le aziende del gas e del petrolio esercitano sulla stampa italiana, pericolosamente dipendente da inserzioni pubblicitarie infarcite di greenwashing che inquinano l’informazione e impediscono all’opinione pubblica di conoscere la verità sull’emergenza climatica. Lo dimostra anche il fatto che le fonti fossili e le aziende del gas e del petrolio sono citate raramente tra le cause del riscaldamento globale, pur essendone i principali responsabili: nel racconto dei media, la crisi climatica resta in gran parte un delitto senza colpevoli».

In base ai risultati dello studio, Greenpeace ha aggiornato la classifica dei principali quotidiani italiani, valutati mediante cinque parametri: 1) quanto parlano della crisi climatica; 2) se tra le cause citano i combustibili fossili; 3) quanta voce hanno le aziende inquinanti e 4) quanto spazio è concesso alle loro pubblicità; 5) se le redazioni sono trasparenti rispetto ai finanziamenti ricevuti dalle aziende inquinanti. Quest’ultimo parametro è stato valutato con un questionario che Greenpeace ha inviato ai direttori delle cinque testate, a cui ha risposto parzialmente solo Avvenire. Considerando la media dei cinque parametri, Avvenire raggiunge la sufficienza (3,2 punti su 5), scarsi invece i punteggi di La Stampa (2,6) e Repubblica (2,4), mentre in fondo alla classifica si trovano il Corriere e Il Sole 24 Ore (2,2).

La classifica dei quotidiani e il monitoraggio dei media fanno parte della campagna “Stranger Green” promossa da Greenpeace Italia contro il greenwashing e le false soluzioni che ritardano le azioni necessarie per affrontare la crisi ecologica e climatica. L’associazione ambientalista considera cruciale il ruolo del giornalismo, che deve essere libero dai condizionamenti delle aziende inquinanti, per informare correttamente i cittadini sulla gravità dell’emergenza ambientale e stimolare politiche più ambiziose a difesa delle persone e del pianeta.


Pubblicato

in

da

Italia News è su Google News:
per essere sempre aggiornato clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: