Categorie
Lavoro

Napoli. L’APPELLO DEI LAVORATORI DELLA FONDAZIONE MONDRAGONE

Pubblichiamo di seguito una lettera firmata dai dipendenti della “Fondazione Mondragone” che da 9 mesi non percepiscono alcuno stipendio.

“La presente nota intende confermare il perdurare delle difficoltà pregresse e l’insorgenza di nuove e pericolose emergenze.
In data 27 settembre 2016, la Fondazione Mondragone, ha ricevuto, a seguito dei mancati riscontri ai solleciti di pagamento inviati all’Ente, una comunicazione dall’A.B.C., in riferimento alla sospensione del servizio di erogazione idrica delle bocche antincendio, cosa che si sarebbe verificata a partire dal 17 ottobre, misura bloccata in extremis, con grande difficoltà, per non compromettere l’apertura dell’Ente.
La manutenzione ordinaria del luogo ovviamente non può assolutamente prescindere da garanzie che ottemperano alla sicurezza e all’incolumità di coloro che vi operano, dell’utenza che affluisce alla struttura e del patrimonio artistico culturale custodito, che nella specificità, contempla, soprattutto manufatti tessili, quindi, inutile a dirsi, più che facilmente infiammabili.
Inoltre non si è provveduto in alcun modo a modificare la condizione di criticità economico finanziaria denunciata più volte:
1) oggi, 17 novembre 2016, siamo ancora in attesa del contributo ordinario dell’anno di pertinenza. E’ da sottolineare che per quanto avvezzi alle lungaggini e ai tentennamenti dell’amministrazione regionale, non si era mai registrato, nella storia della Fondazione Mondragone, un siffatto ritardo;
2) siamo ancora in attesa di direttive realmente volte a valorizzare la specificità dell’Ente, della cui consapevolezza, siamo, oramai, gli unici depositari;
3) a tutt’oggi sono ben 9 mesi che non percepiamo alcun emolumento, con comprensibili difficoltà per le nostre famiglie ridotte oramai allo stremo e non si è ancora ravvisata alcuna azione che possa preventivare e garantire la tutela della tanto auspicata regolarità contributiva.

Alla luce di quanto detto, sommessamente, vorremmo sottolineare quanto segue.
Nonostante nutriamo la più grande solidarietà per tutti i dipendenti che vivono situazioni analoghe alla nostra, ci appare poco comprensibile l’attenzione quotidiana che la Regione Campania rivolge agli enti e alle aziende che non ricadono direttamente sotto la sua tutela; mentre non ci sembra che impieghi le stesse energie per le realtà, che come la nostra, dovrebbero essere considerate, perché di fatto lo sono, una costola dell’ istituzione summenzionata e le cui problematiche sono di più diretta competenza e di più facile risoluzione.
Citiamo, a tal proposito, l’articolo 6 dello Statuto Regionale vigente che tutela il diritto al lavoro ed il rispetto della dignità dei lavoratori.

Nella speranza che le nostre reiterate richieste non restino, come già in precedenza, del tutto disattese rivolgiamo i nostri saluti.

Fondazione Mondragone
Il Personale Dipendente

Del Prete Vincenzo
Lanzaro Giorgio
Mautone Assunta
Palumbo Maria
Sferra Roberta
Solimeno Domenico
Vanni Vanna”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.