Home Sport Lotta per lo scudetto: chi vincerà il titolo quest’anno?

Lotta per lo scudetto: chi vincerà il titolo quest’anno?

Pubblicità
Condividi

Il campionato di serie A dopo la sosta mondiale riparte con gare in calendario degne di nota. Si comincia con Inter-Napoli in programma a San Siro e valida per la 16esima giornata di campionato e si prosegue con match come Milan-Roma, Napoli-Juventus, Lazio-Milan e ancora Juventus-Atalanta, Monza-Inter e Salernitana-Napoli. In mezzo ci sarà anche il turno di Coppa Italia, dove scenderanno in campo per gli ottavi di finale tutte le teste di serie del campionato.

Il calendario di serie A: sfide di alto profilo per il girone di ritorno

Pubblicità

Per quanto riguarda il girone di ritorno si parte subito forte con Napoli-Roma, il derby del Sole. Altre gare di un certo tenore sono poi Lazio-Fiorentina, che vede in scena due dei tecnici più offensivi del campionato: Maurizio Sarri per i biancocelesti, mentre Vincenzo Italiano per la Viola è alla ricerca di un riscatto dopo un avvio di stagione non sempre all’altezza delle aspettative. Juventus-Monza sarà la rivincita di Allegri, mentre a Cremona ci sarà l’Inter di Inzaghi, per il derby regionale. Sempre a proposito di derby stracittadino, per il 21esimo turno di serie A si segnala questo Inter-Milan, con due squadre ormai tornate ai vertici di serie A e che concorrono assieme al Napoli di Luciano Spalletti anche in Europa, con gli ottavi di finale di Champions League, che verranno disputato tra febbraio e marzo prossimo.

Come sarà il ritorno in campo per il Napoli di Spalletti

Riavvolgendo il nastro, è stato un avvio di stagione sicuramente non pronosticabile, quello del Napoli di Spalletti. Se è vero che il tecnico toscano ci ha abituato a questo tipo di partenze, per quanto riguarda le sue squadre, bisogna dire che il Napoli raramente è stato così performante come durante questo inizio di stagione. Dopo i primi passi falsi contro Fiorentina in trasferta e Lecce in casa, qualcosa è scattata nella mente dei giocatori. Un’idea di calcio tanto semplice, quanto vincente e propositiva. Verticalità e grandi giocate da parte dei singoli, sempre a servizio della squadra e in funzione della capacità realizzativa, che nemmeno con Ancelotti e Sarri aveva espresso tanto potenziale. La rosa rinnovata ha trovato una propria identità e un’idea di gioco che Mister Spalletti ha saputo infondere ai giocatori.

Un girone d’andata del campionato senza precedenti

Per il Napoli c’è stata poi la conferma e consacrazione anche a livello europeo, visto che la squadra raramente in questi anni aveva disputato un girone di Champions League così esaltante, anche se le avversarie si chiamano Liverpool, Rangers e Ajax. Non era certo stato detto durante il sorteggio che il Napoli di Spalletti fosse la squadra favorita per il passaggio, come prima in classifica davanti addirittura al Liverpool di Klopp. Champions League a parte, anche in campionato sono arrivate prestazioni e vittorie importanti, come quelle in trasferta contro Lazio, Roma, Milan e Atalanta, su tutte. Favorito da un calendario che ha dato la possibilità ai nuovi innesti di ambientarsi, il Napoli ha vinto e convinto contro Sassuolo, Monza, Torino, Verona e Cremonese, ma ha anche saputo soffrire contro il Milan, il Bologna, la Roma e l’Empoli. Insomma un primato momentaneo che è la perfetta sintesi di gare disputate con grande attenzione difensiva, unita a una capacità realizzativa che non era esattamente il marchio di fabbrica del Napoli, squadra che spesso è apparsa poco concreta e imprecisa sottoporta, nelle stagioni passate. C’è dietro un’idea precisa di gioco, come del resto abbiamo visto nelle passate stagione per squadre come la Juventus di Allegri, il Milan di Pioli e la stessa Inter di Antonio Conte. Diciamo che il livello per il campionato di serie A è tornato quello delle passate stagioni, con non meno di 4-5 squadre a contendersi il vertice e la vittoria finale. Non è semplice però stabilire quale sia la squadra favorita per lo scudetto, anche perché in passato il Napoli ha già mostrato una certa fragilità a tenere testa specialmente alla Juventus, ma anche a Milan e Inter, come è successo proprio lo scorso anno.

La lotta per l’Europa per le prime della classe

Detto questo, c’è poi da capire quale sarà la squadra esclusa dalla prossima Champions League. Napoli, Milan, Juventus, Inter, Lazio e Roma, si contendono infatti i quattro posti a disposizione. Pertanto due di queste squadre dovranno tra virgolette accontentarsi dell’Europa League, salvo una clamorosa vittoria in Champions durante questa stagione. Ipotesi però tutt’altro che concreta e reale, visto il livello odierno delle rivali. C’è poi da capire chi sarà la settima formazione che andrà a disputare la prossima Conference League, visto che ci son squadre come Torino, Udinese, Atalanta e Fiorentina, che potrebbero contendersi il settimo piazzamento per il campionato di serie A. Per quanto concerne il discorso legato alle scommesse sportive possiamo ribadire che con un livello così equilibrato ogni gara può avere un risultato del tutto imprevedibile come si è visto ad esempio in sfide come Cremonese-Milan, Napoli-Lecce, Monza-Juventus e per gare di vertice come Lazio-Inter o Udinese-Roma. Difficile quindi stabilire in termini assoluti quale squadra andrà a vincere la singola gara, come e perché.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.
Captcha verification failed!
Punteggio utente captcha non riuscito. Ci contatti per favore!