Categorie
Sport

Le speranze di Atalanta e Juventus e la rabbia della Lazio: ecco come può finire la Serie A

Ci sono diversi scenari per concludere la stagione. Ecco quali sono e chi favorirebbero.

Ora dopo ora, siamo di fronte a un’emergenza straordinaria e lo scenario può cambiare e richiedere nuove decisioni. Proprio per questo sono rimasto perplesso di fronte alle polemiche degli ultimi giorni”. Con queste parole il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha commentato gli ultimi, frenetici, giorni del calcio italiano.

Lo ha fatto in un’intervista alla Gazzetta dello Sport, raccontando tutto il rammarico e la delusione che sono nati da questa situazione. In molti, infatti, volevano continuare a giocare, ad aprire gli stadi, a continuare a incassare i diritti televisivi. E quando è arrivata la decisione di fermare tutto, sono arrivati anche gli insulti. “Da parte dei presidenti che prima mi insultavano per far giocare le partite, e poi hanno detto di chiudere”, ha raccontato Spadafora. La decisione, però, è stata giusta. Così la pensano i tifosi, gli addetti ai lavori. E anche molti calciatori: tra cui Mario Balotelli. “Non so se riprenderà, non credo si giochi già dal 3 aprile. Per me non dovrebbe vincere né retrocedere nessuno, si riparta con una Serie A a 22 squadre”. Questo il Super Mario pensiero. Che rispecchia una delle diverse ipotesi al vaglio della FIGC.

Tra gli scenari ventilati c’è infatti la non assegnazione del titolo. In questo caso i vertici del calcio italiano comunicherebbero semplicemente alla Uefa i nomi delle squadre partecipanti per Champions ed Europa League. L’altra possibilità è quella creare dei playoff per lo scudetto e dei playout per la retrocessione. Qui le strade che si aprono sono due: aprire la contesa alle sole prime quattro (Juventus-Atalanta e Lazio-Inter), oppure estendere la disputa alle prime otto (includendo quindi Roma, Milan, Hellas Verona e Parma). A gioire, in questo caso, sarebbe soprattutto l’Atalanta di Gasperini, che si ritroverebbe a combattere per lo scudetto con il morale alle stelle e grande fiducia.

C’è una terza ipotesi sulla conclusione del campionato di Serie A, opzione che stuzzica le idee soprattutto dei tifosi bianconeri. La Lega e la FIGC, viste le prospettive di una quarantena molto lunga e di un’emergenza che arriverà fino all’estate, stanno pensando di usare come finale la classifica del momento in cui la Serie A si è fermata. Juventus prima a 57 punti, quindi, con una sola lunghezza di vantaggio sulla Lazio di Simone Inzaghi, autrice di una stagione spettacolare, da incorniciare qualsiasi sarà l’esito finale.

Certo, a Formello resterebbe l’amaro in bocca, per usare un eufemismo. Ma nella vita, e così nel calcio, mai dire mai.

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.