Investimenti: Weekly market outlook

Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments
Condividi

a cura di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments

  • Il governo britannico ha fatto marcia indietro sui suoi piani di riduzione dell’aliquota fiscale massima per i redditi più alti
  • Convincere l’Office for Budget Responsibility (OBR) del Regno Unito che esiste un piano sostenibile per portare il deficit di bilancio su una traiettoria sostenibile non sarà tuttavia così facile
  • Il tetto ai prezzi dell’energia e il suo effetto a catena di riduzione dell’inflazione saranno utili e anche l’annuncio di un’iniziativa simile, ma ancora più ampia, in Germania dovrebbe essere di supporto
  • L’enorme deficit delle partite correnti del Regno Unito rimane un ostacolo significativo per il sentiment dei mercati finanziari e una preoccupazione per le agenzie di rating
  • Stabilire la credibilità è ora cruciale per il nuovo Cancelliere

Convincere l’OBR che esiste un piano sostenibile

I responsabili delle politiche britanniche devono affrontare tre grandi problemi: l’inflazione elevata e gli eccessivi deficit fiscali e della bilancia dei pagamenti. Il tutto in un contesto di debolezza politica.

Tuttavia, cominciamo con l’inversione di rotta sull’aliquota fiscale più alta. Questo ridurrà il previsto deterioramento del deficit fiscale, ma è un’inezia. Kwasi Kwarteng ha stimato il costo in soli 2 miliardi di sterline. Deve ancora convincere l’Office for Budget Responsibility (OBR) che ha un piano per riportare il deficit di bilancio su una traiettoria sostenibile, nonostante l’inversione di alcuni degli aumenti fiscali precedentemente previsti. Non sarà facile.

Le finanze pubbliche si erano già deteriorate anche prima del bilancio malaccorto di Kwasi Kwarteng. Il suo piano di mantenere i limiti di spesa, in termini di cassa, permettendo all’inflazione di comprimere la spesa in termini reali, non sarà facile dopo 12 anni di governo conservatore. Cercare di tagliare le tasse più alte nel bel mezzo di una crisi del costo della vita è stato un disastro politico. Questo rende ancora più difficile tagliare la spesa per il welfare. Quindi, convincere l’OBR ad approvare il suo piano sarà difficile. Difficile ma non impossibile.

Un’altalena di eventi in vista

La prima vittima sarà l’investimento pubblico. È più facile cancellare i progetti di costruzione di un nuovo ospedale o di una scuola che tagliare la spesa corrente. E ci sono alcune buone notizie sulle finanze pubbliche. L’occupazione continua a crescere nel Regno Unito e questa è una buona notizia per le entrate fiscali e per il finanziamento dei sussidi di disoccupazione. Certo, il ritmo del miglioramento era rallentato, probabilmente perché le imprese e i consumatori erano spaventati dalla prospettiva di un importante aumento delle bollette energetiche quest’inverno. Il tetto ai prezzi di emergenza ha attenuato questi timori.

Il tetto ai prezzi ridurrà anche l’inflazione, il che significa una riduzione dell’aumento della sicurezza sociale e dei pagamenti sui gilt indicizzati. Il rischio di recessione è stato ridotto anche dal massiccio programma di sostegno all’energia annunciato dalla Germania, il nostro principale mercato di esportazione in Europa.

Ma Kwasi Kwarteng avrà bisogno anche della fortuna. Il piano per limitare la bolletta energetica media annua a 2.500 sterline è da accogliere con favore poiché ha evitato un aumento stimato delle bollette energetiche delle famiglie di 3.000 sterline, che sarebbe stato inaccessibile per molti, se non per la maggior parte. Ma lascia al governo un conto aperto che dipende soprattutto dal prezzo di mercato del gas. Questo prezzo è ancora molto alto, ma è in calo nonostante i timori, ancora non confermati, di un sabotaggio russo ai gasdotti di approvvigionamento. Un inverno caldo e ventilato, non solo nel Regno Unito e in Europa ma anche in Asia, sarebbe utile.

La Germania interviene sui costi dell’energia

Anche il nuovo e coraggioso piano del governo tedesco sarà d’aiuto. Dopo settimane di tentennamenti, credo che sia stato il piano di Liz Truss a spingere la coalizione tedesca ad agire. I dettagli non sono stati finalizzati, ma il costo in percentuale del PIL è almeno pari a quello del Regno Unito e riteniamo che sia stato calcolato per dare alle famiglie tedesche bollette leggermente più basse rispetto alle loro controparti britanniche. C’è una grande differenza: sembra che solo il primo 75% della bolletta, misurato in base al consumo passato, sarà molto economico, mentre il resto avrà un prezzo marginale molto più alto. Questo incentiverà a ridurre i consumi e contribuirà a far scendere i prezzi del gas all’ingrosso per tutti, Regno Unito compreso. Un piano davvero astuto.

Un enorme deficit delle partite correnti

Prezzi del gas più bassi aiuterebbero anche a risolvere il secondo grande problema del Regno Unito, l’enorme deficit delle partite correnti. C’è stato un deficit per decenni e l’inchiostro rosso ha raggiunto un record nei primi tre mesi di quest’anno. È migliorato un po’ nei tre mesi successivi, ma rimane enorme. Gli interessi sugli interessi stanno crescendo e la situazione è destinata a peggiorare prima di migliorare. Durante l’inverno i britannici pagheranno una bolletta enorme per il gas importato. Il Regno Unito sta anche pagando 2,5 miliardi di sterline ogni tre mesi all’UE come parte dell’accordo di recesso. Il deficit delle partite correnti potrebbe raggiungere un impressionante 10% del PIL durante l’inverno. Questo preoccupa i mercati finanziari e le agenzie di rating.

La credibilità sarà fondamentale

Ogni nuovo Cancelliere deve acquisire credibilità nei confronti dei mercati finanziari. Kwasi Kwarteng ha iniziato piuttosto male in questo senso. La scorsa settimana la Banca d’Inghilterra è dovuta intervenire per fermare il circolo vizioso del debito pubblico a lunga scadenza e ha chiarito che è in arrivo un forte aumento dei tassi di base.  Questo ci porta alla prossima problematica per il governo: il calo dei prezzi delle case.


Pubblicato

in

da

Tag:

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link