Categorie
Economia

Guardare oltre il coronavirus

A cura di Pauline Grange, Gestore, azioni globali di Columbia Threadneedle Investments

18.03.2020

Nei settori dell’elettronica e dei semiconduttori, una delle conseguenze del coronavirus è stata la dimostrazione che facciamo troppo affidamento sulle catene di produzione cinesi. L’interruzione delle forniture si sta facendo sempre più evidente: basti pensare che mi è stato impossibile procurarmi un Nintendo Switch per il compleanno di mio figlio questo fine settimana. Questa dipendenza dai produttori cinesi ha portato alla luce un punto debole cruciale delle catene di produzione nel settore dell’elettronica e le società stanno ora cercando di migliorare la diversificazione a livello geografico dal punto di vista dell’approvvigionamento e dell’assemblaggio dei loro componenti.

A quali altri impatti positivi potremmo assistere nel lungo termine?

Un’area determinante che a nostro avviso potrebbe essere interessata da cambiamenti strutturali è quella degli standard sanitari e igienici mondiali. La Cina stava già incrementando la regolamentazione in tema di produzione alimentare, salute e igiene, ma tale processo potrebbe subire un’accelerazione sulla scia dell’epidemia di coronavirus?

Una società ben posizionata per beneficiare di questi sviluppi nel lungo termine è Ecolab, le cui tecnologie e servizi sono utilizzati nei mercati della ristorazione, della trasformazione dei prodotti alimentari, oltre che in quello alberghiero, sanitario, industriale ed energetico (cfr. infografica).

Ecolab 2018 Sustainability Report

Fonte: 2018 Sustainability Report, Ecolab

Questa settimana ho visto per la prima volta uno spray Ecolab nella mia palestra e lo stesso prodotto si trova sempre più di frequente in negozi quali John Lewis. In seguito all’emergenza SARS, i disinfettanti antibatterici per le mani sono diventati la norma in molti edifici, come le lobby di immobili commerciali. È possibile che più istituzioni si affideranno a Ecolab in risposta all’epidemia di coronavirus? La società fornisce prodotti e servizi nell’ambito di contratti a lungo termine che, dato l’elevato valore aggiunto delle sue soluzioni per i clienti, comportano notevoli costi di sostituzione; di conseguenza, gode di rendimenti stabili ed elevati e oltre il 90% delle vendite ha natura ricorrente.

La Cina rappresenta già una fonte di crescita consistente per Ecolab, in ragione dell’aumento della regolamentazione sul fronte degli standard sanitari e igienici. Il paese è interessato da cambiamenti anche nel settore della produzione alimentare, che impongono standard più stringenti nel campo della sicurezza alimentare, poiché alla produzione su larga scala è associato un rischio di contagio di un maggior numero di persone contemporaneamente. Il coronavirus potrebbe rendere ancora più impellente la necessità di migliorare gli standard in materia di sicurezza alimentare del paese? Ecolab, considerata in Cina una società esperta di sicurezza alimentare e di antimicrobici, ha già esperienza nel coordinamento con il governo locale e, come tale, è chiaro che trarrà beneficio da queste tendenze.

Disinfectant products

Un’altra delle nostre partecipate, Reckitt Benckiser, ha osservato che la domanda di due dei suoi marchi principali, Dettol e Lysol, potrebbe evidenziare un picco nel corso del prossimo trimestre, a seguito dei maggiori acquisti di disinfettanti da parte dei consumatori. In effetti ciò appare probabile, a giudicare dall’assenza di prodotti Dettol da questo scaffale del nostro Sainsbury’s locale.

Tuttavia, le maggiori informazioni fornite dagli enti sanitari nazionali in merito alle modalità di propagazione dei virus potrebbero fare in modo che sia il comportamento dei consumatori a cambiare? È possibile che un aumento della presenza di questi prodotti diventi una caratteristica permanente nelle case e nelle istituzioni come ad esempio le scuole, in particolare durante la stagione influenzale o quella del raffreddore?

L’Agenzia per la protezione dell’ambiente statunitense ha recentemente pubblicato la Emerging Pathogen policy, che indica Lysol ed Ecolab tra i marchi chiave che possono essere utilizzati contro il coronavirus, offrendo così grande appoggio a tali prodotti.

Per concludere, queste due società svolgono un ruolo chiave nel garantire la buona salute di molte nazioni e l’importanza di questo obiettivo appare ora più che mai evidente.

A proposito di Columbia Threadneedle Investments 

Columbia Threadneedle Investments è un gruppo specializzato nell’attività di asset management leader a livello globale che si contraddistingue per un’ampia offerta di strategie a gestione attiva e molteplici soluzioni d’investimento per clienti individuali, istituzionali e corporate in tutto il mondo.

Con l’ausilio di oltre 2.000 collaboratori tra cui più di 450 professionisti dell’investimento operanti nel Nord America, in Europa e Asia, il Gruppo gestisce un patrimonio pari a EUR 440 miliardi che copre azioni dei mercati sviluppati ed emergenti, reddito fisso, soluzioni multi-asset e strumenti alternativi.

Columbia Threadneedle Investments è la società specializzata in asset management che opera a livello globale e che fa parte di Ameriprise Financial, Inc. (NYSE: AMP), uno dei principali Gruppi statunitensi per offerta di servizi finanziari. In quanto parte di Ameriprise, Columbia Threadneedle beneficia quindi del sostegno di una grande società leader nei servizi finanziari, diversificata e adeguatamente patrimonializzata. www.columbiathreadneedle.com

Tutti i dati al 31 dicembre 2019

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.