Giornata Mondiale della Prematurità – DAL COLOSSEO UN GRANDE ABBRACCIO PER I NEONATI PREMATURI (Video)

Condividi

Tra abbracci reali e virtuali ed una speciale videoproiezione tutta l’Italia celebra con la SIN la Giornata Mondiale della Prematurità

In occasione della Giornata Mondiale della Prematurità, il 17 novembre, dalle ore 18.00 alle 24.00, la città di Roma, e non solo, ha assistito ad un originale light show, uno spettacolo di luci e colori, che ha coinvolto il Colosseo, simbolo indiscusso del nostro Paese.

Una grande opportunità, nata su iniziativa della Società Italiana di Neonatologia (SIN) e resa possibile grazie alla disponibilità del Parco Archeologico del Colosseo e del Comune di Roma, per accendere ancora una volta i riflettori su una patologia, sfida per la neonatologia ed enorme bagaglio da portare per le famiglie ed i loro bambini: la prematurità.

Al centro della videoproiezione, visibile da Largo Gaetana Agnesi, tra lo stupore e l’emozione dei passanti e dei tanti che hanno assistito alla diretta live su Facebook, è lentamente apparso il tema di quest’anno della Giornata e oggetto della campagna di sensibilizzazione della Fondazione Europea per la cura dei neonati pretermine (EFCNI): “L’abbraccio di un genitore: una terapia potente. Sostenere il contatto pelle a pelle fin dal momento della nascita.”, che insieme ad una luce di sfondo viola, colore della prematurità, ha sovrastato l’imponente e storica facciata dell’Anfiteatro Flavio.

Un abbraccio tra il neonato ed i suoi genitori è andato via via a comporsi all’interno dell’animazione, insieme alla foto di una mamma col suo piccolo prematuro, per dare ancora più forza al messaggio: il contatto come momento terapeutico fondamentale per neonato, mamma e papà. Gli effetti positivi a breve e lungo termine della Care della famiglia, le cure individualizzate centrate sul nucleo familiare dei piccoli prematuri, sono infatti noti, dalla riduzione della durata del ricovero ospedaliero e del tasso di complicanze mediche, all’aumento della Kangaroo Care, il contatto pelle a pelle e dell’allattamento al seno.

Il Colosseo si è unito nel grande abbraccio per i neonati prematuri, che non ha visto l’Italia interamente illuminata di viola, come di consueto, ma sempre partecipe e consapevole, non solo a sostegno dei piccoli prematuri e delle loro famiglie, ma anche verso l’adozione di stili di vita sostenibili e di risparmio energetico, spegnendo simbolicamente le luci per tenere accese le incubatrici.

Su invito di SIN e Vivere Onlus, Comuni, Ospedali, associazioni e famiglie hanno celebrato la Giornata Mondiale della Prematurità 2022, con grande entusiasmo e partecipazione, tra abbracci reali e virtuali, utilizzando un simbolo viola alternativo per monumenti, edifici, strade, teatri, panchine, reparti di Terapia Intensiva Neonatale, in tutta Italia.


Pubblicato

in

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link