Giocattoli sensorizzati consentiranno di aiutare a diagnosticare precocemente i disturbi del neurosviluppo nei bambini appena nati

Condividi

inizia il progetto internazionale TECH-TOYS

Pisa, (3, novembre, 2022) – Colorati, simpatici, divertenti e dotati di tanti sensori raffinatissimi. Parliamo dei giocattoli intelligenti per la diagnosi precoce e il monitoraggio dei disturbi del neurosviluppo che consentiranno di acquisire biomarcatori digitali durante l’infanzia.

E’ il perno di TECH-TOYS, il progetto multidisciplinare vincitore del bando ERA PerMed (un bando di ricerca europeo che finanzia ricerche innovative in tema di medicina personalizzata), coordinato dal prof Giovanni Cioni, Direttore Scientifico dell’IRCCS Fondazione Stella Maris di Calambrone (Pisa) insieme a un team multidisciplinare italiano (Innovate Lab Stella Maris, diretto dalla dr.ssa Giuseppina Sgandurra, Smile Lab diretto dal prof. Andrea Guzzetta e Istituto Biorobotica Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa con il ricercatore dr. Matteo Cianchetti e Istituto di Manegement del Sant’Anna con il prof. Giuseppe Turchetti) con partner di rilievo scientifico internazionale come il prof. David Cohen, dell’Ospedale Salpétrière di Parigi, il prof. Mohamed Chetouani, Institut des Systèmes Intelligents et de Robotique, Università Sorbonne di Parigi (Francia); prof. Fiorella Battaglia, prof. Georg Marckmann, Ludwig Maximilians Università di Monaco (Germania); prof. Hatice Kose, Istanbul Technical University, Istanbul (Turchia) ed anche l’ing. Marco Pirini dell’azienda Khymeia Srl di Padova (Italia).

I risultati di TECH-TOYS sono destinati ad aprire nuove frontiere per il rilevamento quantitativo precoce, tempestivo, personalizzato, domiciliare di disturbi del neurosviluppo nei primi mesi di vita.

“I disturbi del neurosviluppo sono un gruppo di disturbi sensori-motori, cognitivi, della comunicazione, dell’apprendimento e del comportamento molto frequenti (1 bambino su 10 ne è colpito) – spiega il prof Giovanni Cioni– le cui cause sono multifattoriali ma con esordio precoce e conseguenze che condizionano tutta la vita. Nonostante i progressi nella nostra comprensione delle cause, la diagnosi e l’inizio dell’intervento sono spesso tardivi e avvengono molti mesi dopo l’esordio dei primi segni clinici e non si basano su dati quantitativi”.Obiettivo del progetto TECH-TOYS  è proprio quello di sviluppare un nuovo ambiente di gioco interattivo domestico e tecnologico, utilizzando l’esperienza fatta nel progetto “CareToy” (“Giocattoli per la cura), in cui Fondazione Stella Maris e la Scuola Superiore Sant’Anna hanno inventato e sperimentato una palestrina intelligente con moltissimi giocattoli sensorizzati simili a quelli con cui i bambini giocano quando sono in culla o in box. Giocattoli che racchiudono una raffinata e innovativa tecnologia, oltre 2000 sensori che monitorano parametri quali la  postura e la manipolazione. I dati sulle capacità motorie di questa esperienza, uniti a quelli sull’interazione sociale bambino-caregiver raccolti dal team francese, consentiranno di mettere a punto un setting di giochi in grado di fornire biomarcatori digitali quantitativi facili da maneggiare del neurosviluppo del bambino e dell’interazione tra il bambino, la sua mamma e il suo papà (caregiver). 

“Anche in questo caso pensiamo ad un sistema di “palestra” – prosegue il professore – dotata di un tappetino sensorizzato, un set di giocattoli sensoriali, unità di movimento inerziale indossabili e telecamere. I big data acquisiti in precedenza e i nuovi dati raccolti in modo prospettico sui comportamenti motori, insieme alle attività dello sguardo e alla competenza sociale nell’interazione tra bambino e caregiver, forniranno un modello di precisione basato su algoritmi di intelligenza artificiale utile per la diagnosi precoce di condizioni a rischio”. Anche in questo progetto vi sarà una grandissima attenzione ai rilievi etici e alla partecipazione dei genitori dei bambini con disturbi del neurosviluppo. “Gli aspetti etici, legali, sociali (ELSA) e  delle tecnologie sanitarie (Health Technology Assessment – HTA) forniranno fattori chiave nel processo decisionale e nell’analisi dell’efficacia dei costi – conclude il prof Cioni -. Infine, le organizzazioni dei genitori avranno un forte coinvolgimento nelle attività del progetto e nel comitato etico (Ethics Monitoring Board) e contribuiranno alla progettazione della piattaforma e del modello di precisione personalizzato”.

Tutti i ricercatori si incontrano a Pisa per il kick-off meeting, il primo incontro internazionale con tutti i team coinvolti nel progetto, il 6 e 7 novembre e il progetto avrà la durata di 3 anni.


Pubblicato

in

,

da

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti è piaciuto
SEGUICI SU FACEBOOK

 

 
close-link