EUTANASIA: MARCO CAPPATO OGGI IN SVIZZERA PER NUOVA DISOBBEDIENZA CIVILE.

RISCHIA FINO A 12 ANNI DI CARCERE

La persona che ha chiesto di essere accompagnata per poter accedere al suicidio assistito è una donna veneta di 69 anni, paziente oncologica, non dipendente da trattamenti di sostegno vitale 

1 agosto 2022 – Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, si trova in Svizzera per dare seguito alla richiesta di aiuto ricevuta da parte di una signora veneta di 69 anni, paziente affetta da una importante patologia oncologica polmonare irreversibile con metastasi, che ha chiesto di essere accompagnata nel paese elvetico per potere accedere legalmente al suicidio assistito. 

Per Marco Cappato si tratta di una nuova disobbedienza civile, dal momento che la persona accompagnata non è “tenuta in vita da trattamenti di sostegno vitale”, quindi non rientra nei casi previsti dalla sentenza 242\2019 della Corte costituzionale sul caso Cappato\Dj Fabo per l’accesso al suicidio assistito in Italia. In Italia, infatti, proprio grazie alla disobbedienza civile di Cappato per l’aiuto fornito a Fabiano Antoniani (sentenza 242 della Corte costituzionale) il suicidio assistito è possibile e legale in determinate condizioni della persona malata che ne fa richiesta (persona affetta da una patologia irreversibile, fonte di intollerabili sofferenze, pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli e tenuta in vita da trattamenti di sostegno vitale). Cappato rischia dunque fino a 12 anni di carcere per l’accusa di aiuto al suicidio. 

Sto accompagnando in Svizzera una signora gravemente malata. Solo lì può ottenere quello che deve essere un suo diritto. Sarà libera di scegliere fino alla fine”, ha dichiarato Marco Cappato, Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni. 

La signora “Adelina” (nome di fantasia) è una signora veneta di 69 anni, pensionata, affetta da patologia oncologica polmonare irreversibile con metastasi. Non dipende da dispositivi di trattamento di sostegno vitale, non assume farmaci, salvo antibiotici e antidolorifici secondo  necessità. Insieme alla famiglia, che comprende e rispetta la sua volontà, aveva contattato il Numero Bianco dell’Associazione Luca Coscioni (06 9931 3409) – la infoline gratuita per far luce sui diritti nel fine vita – per avere maggiori informazioni. Consapevole di non avere sostegni vitali ha preferito andare in Svizzera senza attendere ulteriormente. Un’attesa ulteriore avrebbe potuto, infatti, determinare ulteriori sofferenze e peggioramenti vista la progressione della malattia già in fase avanzata.

SUICIDIO ASSISTITO, M.CAPPATO (VIDEO): “ADELINA E’ DOVUTA VENIRE IN SVIZZERA PERCHE’ IN ITALIA SAREBBE STATA DISCRIMINATA”

“ADELINA” DALLA SVIZZERA: “ERO DAVANTI A UN BIVIO. HO SCELTO LA SVIZZERA E NON L’INFERNO”

1 agosto 2022 – “Sono arrivato ora in Svizzera dove ho accompagnato la signora “Adelina”, che è malata terminale di cancro e, qui, chiede di poter essere aiutata a morire senza soffrire. È stato un viaggio lungo, oltre otto ore dal Veneto, un viaggio reso necessario dal fatto che Adelina non avrebbe potuto ottenere questa possibilità in Italia, perché la sentenza della Corte costituzionale esclude che possano essere aiutate a morire persone che non siano tenute in vita da trattamenti di sostegno vitale. La signora “Adelina” è malata terminale di cancro, ha davanti una prospettiva di vita molto breve e di sofferenza sempre crescente, ma non è attaccata a una macchina. Nelle prossime ore si sottoporrà a delle visite mediche, a dei colloqui di verifica della sua volontà e di eventuale conferma della sua scelta”, ha dichiarato Marco Cappato, Tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, arrivato in Svizzera per accompagnare la signora “Adelina” (nome di fantasia) che nelle prossime ore si sottoporrà alle visite mediche previste. 

La signora “Adelina” ha commentato: “Ho detto a mio marito e alla mia famiglia: sono davanti a un bivio. Posso prendere una strada un po’ più lunga che mi porta all’inferno. E un’altra, più breve, che mi porta in Svizzera. Ho scelto la seconda. Ho poi detto a mio marito che se avesse provato a dissuadermi, fra un mese o due, quando mi avrebbe visto sofferente, se ne sarebbe pentito

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Don`t copy text!