Categorie
Economia

Economia interna Italia per il 2020: Federcontribuenti: “Meno 1,2% uguale meno 19 mld dalle srl”

Le società a responsabilità limitata in Italia sono 1.724.187, quelle semplificate sono 219.776 – dato aggiornato al 2019. Federcontribuenti: ”il trend positivo del 2019 va salvaguardato altrimenti ai 10 mld di aiuti dovremo aggiungere in bilancio le minori entrate per circa 20 mld. Le prossime misure di contenimento economico devono quindi puntare allo sviluppo e al sostegno”.

Le maggiori imprese registrate alla camera di commercio nel 2019 riguardano i settori maggiormente colpiti: turismo +8.211 imprese, attività professionali +6.663, i servizi alle imprese +6.319 .

A seguito del basso costo dei mutui e degli incentivi al recupero edilizio ed energetico anche le attività immobiliari hanno trovato nel 2019 maggior impulso con +8.200 nuove imprese.

”Da attenzionare in questa fase delicata anche il manifatturiero, il commercio e l’agricoltura che rischiano di crollare a picco con un meno 23.713 attività”. Al di là di quanto si dice è il Mezzogiorno che, con una crescita di 14.534 unità, raggiunge il 54,6% di tutto il saldo positivo dello scorso anno.

Restano le società di capitali con un +3,52% a compensare la perdita di circa 18mila società di persone (-1,8%) e di poco più di 16mila imprese individuali (-0,5%).Le giuste restrizioni imposte per fermare la circolazione del Covid-19 stanno, conseguentemente, bloccando l’economia. Basta anche un solo mese di inattività per lasciar fallire una qualunque medio piccola attività commerciale.

Federcontribuenti ricorda come di base servano almeno 6 mila euro al mese di guadagno per restare al pari con le spese fiscali, gli stipendi, affitti o mutui e utenze varie. Al momento solo il 15% di tutte le attività resistono al tracollo economico con l’avanzata delle restrizioni imposte e parliamo delle medio piccole attività.Il mancato fatturato.

La Federcontribuenti ricorda che nei soli iniziali 11 comuni della zona Rossa, dove l’attuale perdita economica è stata stimata da Unioncamere con una perdita di 238 mln di euro di fatturato e quasi 140 milioni di valore aggiunto solo per il mese di marzo, che i comuni di Italia oggi raggiunti dalle restrizioni sono 7904.

Cosa accadrebbe laddove l’emergenza sanitaria dovesse proseguire fino a fine giugno? ‘

‘Concordiamo con la stima Unioncamere la quale individua gli effetti negativi sull’economia italiana per il 2020 potrebbero salire a 37 miliardi di euro”.

Federcontribuenti chiede al governo di sospendere il decreto legislativo numero 14/2019 la quale ha introdotto la nuova disciplina sul fallimento.

”Con il Milleproroghe le Srl in crisi rischiano di dover pagare i debiti con il patrimonio personale dei soci e in questa fase delicata dobbiamo evitare il tracollo.

Il d.l. per il sostengo sostegno di famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da Coronavirus dovrebbe essere discusso oggi e prevederebbe: sospensione degli adempimenti e versamenti fiscali, dei mutui agevolati e delle bollette, il sostegno dell’intero settore turistico-alberghiero e delle attività commerciali ricettive. In materia di lavoro vengono previste misure in materia di cassa integrazione e sostegno del reddito dei lavoratori.

Federcontribuenti: ”occorre rendere immediate queste misure al fine di evitare un collasso economico post emergenza sanitaria”.

Un decreto urgente per l’economia come lo è stato per l’emergenza sanitaria con un solo passaggio al parlamento.

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.