Categorie
Salute

Ebola, primo caso negli USA. E’ allarme e paura

Virus Ebola
Ebola

L’Ebola, arriva negli Stati Uniti con un primo caso di contagiato e la paura sale. Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) di Atlanta, ha annunciato il primo caso diagnosticato di febbre emorragica da ebola sul territorio nazionale. Si tratta di un paziente che aveva viaggiato in Liberia. Tornato il 20/9 negli Usa ha sviluppato i sintomi della febbre emorragica 4-5 giorni dopo. Il paziente è ora nel Texas in ospedale a Dallas.
Le autorità sanitarie americane affermano che la situazione resta “sotto controllo” e “ebola non si diffonderà negli Usa”, “Priorità è curare il paziente” e individuare chi è stato in contatto con lui.
Ma c’è pericolo per gli altri ammalati nell’ospedale di Dallas?
Intanto l’ospedale di Dallas in cui è ricoverato il paziente che ha contratto il virus dell’ebola assicura di aver messo a punto “un piano di emergenza” per fronteggiare eventuali altri casi. Al momento però non vi sono notizie di altre persone in Texas o negli Usa con sintomi di febbre emorragica. Ma la paura resta e gli americani si stanno preoccupando.
Il presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama segue con attenzione la situazione ed ha personalmente telefonato al direttore del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, Tom Frieden, che “lo ha aggiornato sul caso di ebola diagnosticato a Dallas”.
Secondo quanto riferito dalla Casa Bianca, Obama e Frieden hanno “parlato dei rigidi protocolli di isolamento in base ai quali viene curato il paziente e degli sforzi per rintracciare i contatti del paziente per mitigare i rischi di ulteriori casi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.