Categorie
Economia

Coronavirus: Unimpresa, per salvare economia puntare su investimenti pubblici

Il presidente Ferrara: «Decreto Cura Italia avrà attuazione lunga, tra poche settimane imprese saranno già tramortite da recessione»

«Tra poche settimane, si sarà conclamata la devastante recessione economica e le imprese italiane saranno già  tramortite perché il decreto del governo “Cura Italia” avrà, anche a motivo della sua attuazione con circolari e interpretazioni ministeriali varie, una lunghissima gestazione pratica.

Le banche, che adesso si limitano a sospendere le rate dei prestiti, non saranno più in grado di erogare nuovi crediti e di sostenere l’economia reale con la necessaria liquidità. Succederà, quindi, che decine di migliaia di imprenditori, strozzati dai debiti – di natura fiscale e previdenziali oltre che quelli con i fornitori – si troveranno davanti a un bivio: chiudere, restando con debiti spaventosi oppure provare ad andare avanti, coraggiosamente. Corriamo il rischio di perdere intere aree produttive, di veder collassare il turismo e, conseguentemente, tutti i settori collegati, dai trasporti ai servizi.

Per evitare che tutto ciò accada, da parte del governo, uno sforzo straordinario per assicurare sostegno alle imprese italiane, specie quelle più piccole. Serviranno incentivi fiscali, fondi di garanzia per il credito bancario, investimenti pubblici, snellimento della burocrazia e una giustizia civile più veloce».

Lo dichiara il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara, commentando il decreto “Cura Italia” varato dal governo per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Redazione

Di Redazione

Se anche tu vuoi avere voce su Italia News invia i tuoi comunicati a notizie@italia-news.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.