Categorie
Economia

Contraffazione: oltre 26 miliardi di euro e fino a 363.000 posti di lavoro persi ogni anno

Milano, 21 luglio 2015 – I contraffattori di abiti, calzature e accessori (quali cravatte, sciarpe, cinture, cappelli e guanti) privano i produttori, i distributori e i rivenditori al dettaglio legittimi di tutta l’UE di oltre 26 miliardi di € di introiti all’anno.

[easy_ad_inject_1]Un nuovo studio dell’Ufficio per l’Armonizzazione del Mercato Interno (UAMI), l’agenzia Europea per la proprietà intellettuale, mostra come le vendite di abiti, scarpe e accessori contraffatti nell’UE equivalga al 10 % circa delle vendite totali nei settori dell’abbigliamento, delle calzature e degli accessori dei 28 Paesi dell’UE.

I mancati introiti si traducono in una perdita diretta di 363 000 posti di lavoro perché l’industria legittima vende meno di quanto farebbe in assenza del fenomeno della contraffazione e, di conseguenza, impiega meno lavoratori.

Tale studio, pubblicato dall’Osservatorio europeo sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale, affidato all’UAMI, stima anche l’impatto indiretto del commercio di prodotti contraffatti.
Se si tiene conto dell’effetto domino sui fornitori, le imprese legittime dell’UE accusano un calo di vendite pari a 43,3 miliardi di € a causa della contraffazione, con una perdita di circa 518 000 posti di lavoro.

Poiché i produttori e i rivenditori di prodotti contraffatti non pagano le tasse sulle entrate, i contributi previdenziali né l’IVA, la presenza della contraffazione causa un’ulteriore perdita di oltre 8 miliardi di € in termini di entrate statali non riscosse.

Il Presidente dell’UAMI, António Campinos, ha dichiarato: “Con questo studio possiamo quantificare l’impatto economico della contraffazione a livello europeo nei settori dell’abbigliamento, calzature e accessori, nonché le conseguenze in termini di mancati ricavi e posti di lavoro persi. Tali risultati non aiuteranno soltanto i responsabili politici nel loro lavoro, ma aiuteranno anche i consumatori a compiere scelte più coscienziose.”

Il report odierno è parte di una serie di studi che stimano l’impatto economico della contraffazione in diversi settori industriali europei, i quali saranno pubblicati nei mesi a venire.

In Italia: la contraffazione di abiti, scarpe e accessori (quali cravatte, sciarpe e cinture) costa ai produttori, distributori e ai rivenditori al dettaglio italiani circa 4,5 miliardi di € in termini di mancati ricavi e più di 50 000 posti di lavoro (80 000 se si considera l’effetto indiretto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.