CONDONO DELLE CARTELLE ESATTORIALI: FINOCCHIARO: “E’ UNA PRESA IN GIRO. MA IN CHE PAESE VIVIAMO!”

Foto (da sx) CARMELO FINOCCHIARO ed ETTORE MINNITI
Foto (da sx) CARMELO FINOCCHIARO ed ETTORE MINNITI

LE ESTERNAZIONI DEL PRESIDENTE NAZIONALE CONFEDERCONTRIBUENTI, CARMELO FINOCCHIARO”,  E DEL SEGRETARIO NAZIONALE CONFEDERCONTRIBUENTI, ETTORE MINNITI

Il presidente nazionale di Confedercontribuenti, Carmelo Finocchiaro, interviene con forza in merito al Decreto firmato ieri dal MEF per lo stralcio delle cartelle fino a 5 mila euro, entro il 31 ottobre 2021, perché ciò dimostra che “il governo e il Ministero delle Finanze intendono sottrarre soldi agli italiani sulle prossime rate della rottamazione”. E il presidente Finocchiaro spiega il perché di questa sua ipotesi: “Non è possibile pensare che la rottamazione possa essere già attuata e ripresa la rateizzazione a partire dal 2 agosto in poi, perché se non avviene la cancellazione nei tempi dovuti, il 2 agosto si pagheranno ulteriormente le somme prescritte all’interno della rottamazione del saldo e stralcio. Questa è una vergogna e uno scippo a danno dei contribuenti che bisogna assolutamente impedire in favore degli italiani e delle imprese, tanto che ci rivolgiamo alle forze politiche che garantiscono la maggioranza a questo governo: bisogna fare un piano credibile di rientro, diluito nel tempo! Lo dicano con forza le forze politiche e lo dicano con forza le forze più sensibili. Qui facciamo appello sia al Movimento 5 Stelle che alla Lega, perché anziché fare affermazioni di principio intervengano pienamente per salvaguardare il diritto dei cittadini. E questo Governo abbia la sensibilità di comprendere e di capire cosa significa per le imprese e soprattutto per le piccole e medie imprese riprendere a dover pagare, dopo due anni esatti di pandemia e di difficoltà economiche, mentre ci si avvia verso il rischio di nuove chiusure. Per questi motivi –conclude il presidente nazionale Carmelo Finocchiaro-, mentre tutti stanno zitti,  noi di Confedercontribuenti denunciamo questa situazione dicendo a chiare lettere che non condividiamo come il ministro Franco gestisca questo ministero, perché dimostra di essere solo un burocrate e di non comprendere i problemi della gente. Basta, basta e poi basta ! Questo è il grido di allarme che lanciamo. Altrimenti saremo costretti ad intervenire in maniera forte per fare un appello nazionale affinchè si salvino le imprese e si rimuovano coloro che vogliono il massacro di esse”.

Sulla questione interviene anche il segretario nazionale di Confedercontribuenti, Ettore Miniiti, il quale spiega che “saranno 2,5 milioni gli italiani che dovranno attendere il 31 ottobre prima di vedersi cancellare i debiti con l’erario, l’Inps o altri enti, con un potenziale di 16 milioni di cartelle interessate. In particolare, ‘Il Sole 24 Ore’ evidenzia come «alla data del 31 ottobre 2021» l’agente pubblico della riscossione procederà alla cancellazione dei ruoli che gli sono stati affidati dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010 di importo fino a 5mila euro. Ciò vuol dire che agli enti creditori arriverà entro il 30 novembre l’elenco delle quote annullate per poter procedere alla cancellazione a seguito dell’annullamento e all’eliminazione dalle scritture patrimoniali. Da subito dopo Ferragosto partirà l’iter burocratico, che ha come termine ultimo la fine del mese di ottobre. Ed entro il 20 agosto, come riporta ancora ‘Il Sole 24 Ore’, dovranno essere trasmessi all’Agenzia delle entrate i codici fiscali delle persone fisiche e dei soggetti diversi dalle persone fisiche aventi uno o più debiti di importo residuo, sempre alla data del 23 marzo 2021, fino a 5mila euro.Una buona notizia? Stato amico? Fisco al fianco dei contribuenti? –si chiede il segretario nazionale di Confedercontribuenti, Ettore Minniti– il quale aggiunge: “Il D.L. n. 41/2021 ha confermato le novità del D.L. n. 3/2021. Il decreto Sostegni bis, però, ha prorogato le scadenze in considerazione del nuovo stop della riscossione fino al 30/06/2021. Tali proroghe, quindi, hanno portato novità anche per le dilazioni, cosiddette, agevolate e per la rottamazione, nonché per il saldo e stralcio (qui il D.L. n. 41/2021 ha “sdoppiato” le scadenze). Le dilazioni devono essere corrisposte in unica soluzione oppure in modo dilazionato entro il termine massimo del 09 agosto 2021. Morale della favola, i contribuenti dovranno nel frattempo pagare tre rate della cosiddetta ‘rottamazione’, nonostante i debiti già prescritti”.

Carmelo Finocchiaro, presidente nazionale di Confedercontribuenti, a tutto questo non ci sta e fa un accorato appello: “Adesso aspetto che anche le associazioni (che spesso, a parole, si ergono a paladine della gente) si uniscano a noi in questa vera battaglia per la difesa delle imprese e dei contribuenti italiani. Nel contempo c’è da chiedersi se questo è un Paese normale? Da una parte fa finta di darti, riscoprendosi solidale, dall’altra parte ti toglie tutto, in modo che il contribuente possa essere felice e gabbato! Penso proprio che con questo provvedimento siamo alla follia contributiva!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.