Categorie
Italia

Caso Diele, Sappe: “Non c’era bisogno di un detenuto eccellente per sapere che i braccialetti elettronici sono finiti…”

“Non c’era bisogno della mancata scarcerazione di un detenuto eccellente per sapere che le dotazioni dei braccialetti per il controllo dei detenuti ammessi ai domiciliari – costati allo Stato fino ad oggi 173 milioni di euro! – è largamente insufficiente rispetto alle reali necessità. Questo il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE lo denuncia da tempo, ma se riguarda la mancata scarcerazione di migliaia di “poveracci” e di “signor nessuno” la cosa non fa notizia”.

Lo dichiara Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, commentando alcuni articoli di stampa odierni.

“Il paradosso più evidente è che i Ministeri di Giustizia e Interno hanno speso 110 milioni di euro in 10 anni per pochissimi braccialetti, mentre ora che ve n’è una primaria necessità – con la messa in prova ed il potenziamento del ricorso alla misure alternative alla detenzione – non ne sono stati acquistati a sufficienza. E le carceri restano piene di persone che invece potrebbero da subito scontare la pena sul territorio. Il dramma di questo Paese è che nessuno mai paga per questi sprechi e per questi errori. E le emergenze e le tensioni nelle carceri persistono, come sanno bene le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria che con esse convivono tutti i giorni, 24 ore al giorno…”.

Capece rilancia la proposta di affidare al Corpo di Polizia Penitenziaria i controlli dei detenuti ammessi agli arresti domiciliari, ora di competenza di altre Forze di Polizia: “Serve un adeguato incremento di organico del Corpo per favorire proprio il potenziamento dell’impiego di personale di Polizia Penitenziaria nell’ambito dell’area penale esterna. Per il SAPPE è fondamentale potenziare i presidi di polizia sul territorio – anche negli Uffici per l’Esecuzione Penale esterna: potenziamento assolutamente indispensabile per farsi carico dei controlli sull’esecuzione proprio dei permessi premio, delle misure alternative alla detenzione, sui trasporti dei detenuti e sul loro piantonamento in ospedale. La sicurezza dei cittadini non può essere oggetto di tagli indiscriminati e ingiustificati ma non può essere messa in condizione di difficoltà se non si assumono gli Agenti di Polizia Penitenziaria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.