Categorie
Economia

Agricoltura, Miano: Provincia Salerno avvia inserimento Distretti Rurali e agroalimentari in ambito programmazione

Palazzo Sant'Agostino sede della Provincia di Salerno
Palazzo Sant’Agostino sede della Provincia di Salerno

Palazzo Sant’Agoatino, 14 marzo 2014 – “Il progetto per i distretti agroalimentari di qualità e di filiera per le aree protette della provincia di Salerno è essenziale per dare una svolta in questo settore che vive una profonda crisi”. Così, l’assessore provinciale all’Agricoltura Mario Miano, all’esito del tavolo di concertazione che si è svolto stamani a Palazzo sant’Agostino per la creazione dei Distretti Agroalimentari di Qualità e di Filiera per le Aree Interne Protette della provincia di Salerno, promossi dall’Ente per lo Sviluppo Sostenibile “I Piccoli Campi srl”, che sta dando vita ad un comitato promotore che abbracci due realtà territoriali: il Cilento e la Costiera amalfitana. “E’ necessario- continua- fare in modo che la programmazione economica sia basata sulle reali esigenze dei produttori. Il nostro ruolo di amministratori è quello di accompagnare il processo, inserendolo nella programmazione. L’obiettivo è quello di creare un unico Marchio d’Area Territoriale, che ne salvaguardi verso l’esterno un’immagine forte e di eccellenza. L’importanza dei Distretti è quella di invertire la politica di programmazione, che deve essere più mirata alle esigenze effettive del territorio, dando la centralità al privato e avviando un’azione sinergica tra agricoltura e ambiente”. “Questa proposta – spiega Anna Pina Arcaro, promotrice del Progetto Integrato per una Economia Rigenerativa – nasce per completare e consolidare il processo di governance territoriale messo in essere con il PIF “Il Coltivare Rigenerativo” riconosciuto dalla Regione Campania”. Al tavolo di concertazione erano presenti, tra gli altri, il dirigente del settore Agricoltura della Provincia di Salerno Domenico Ranesi, il legale rappresentante dell’Ente per lo Sviluppo Sostenibile Anna Pina Arcaro, il sindaco del Comune di Ravello, Paolo Vuilleumier, l’assessore all’Agricoltura del Comune di Minori, Donato Cufari, l’assessore all’Agricoltura del Comune di Cetara, Francesco Pappalardo, Rosa Pepe del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura, Vincenzo Sannino dell’Associazione Acarbio. Il progetto è stato affiancato dal Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione di Roma, che con il Cra di Pontecagnano ne segue il percorso. “Già da anni lavoriamo sulla sperimentazione – spiega Rosa Pepe, referente del progetto Agrigenet del Cra di Pontecagnano – anche in Costiera amalfitana abbiamo avviato dei campi sperimentali con il progetto Agrigenet. Adesso con i Distretti puntiamo ad una reale innovazione e caratterizzazione per un’economia agricola certificata e di qualità”. In tutto questo progetto si inserisce l’importanza di integrare le azioni tra ambiente e agricoltura al fine anche del riconoscimento della Costiera amalfitana come Riserva Mab Unesco, progetto che sta portando avanti l’associazione Acarbio unitamente alla Provincia di Salerno, e i comuni della Costiera amalfitana, che hanno già siglato il Protocollo d’Intesa. Tutto ciò rafforza e rilancia anche l’azione di candidatura a Riserva Mab Unesco, un fiore all’occhiello di tutta la provincia di Salerno.

Avatar

Di Mena

Appassionata di informazione collabora gratuitamente con Italia-news e crede nella sua missione di offrire una libera informazione non legata a vincoli politici o di partito o di lobbies economiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.